I più grandi attori del Cryptomarket

I più grandi attori del mercato ritengono che la regolamentazione stabilizza il settore e contribuisce alla crescita di bitcoin.

Controllo sul cripto-settore è rafforzata sia a livello dei regolatori, sia a livello di società. In particolare, la scorsa settimana si è saputo che, nel quadro della nuova politica, Facebook ha vietato la pubblicità di crypto e ICO, e recentemente il regolatore canadese ha tenuto colloqui con Google, chiedendo le stesse misure.

Dall'inizio della settimana, il tasso di bitcoin è caduto, si avvicina un record $ 6000 martedì, ma da Venerdì è aumentato 37% sopra questo marchio.

I primi milionari bitmoin, i fondatori dello scambio scambio crypto Gemini, i fratelli Winklewoss ritengono che con il corretto approccio normativo “sarà un enorme vantaggio per la valuta crypto”: “Tali tecnologie non possono prosperare e svilupparsi senza regolamentazione ragionevole che li collega con la finanza,” ha detto Tyler Winklewoss in un'intervista a Bloomberg. Egli ha anche notato la necessità di misure più rigorose contro i truffatori, compreso ICO-truffe.

I fratelli, ciascuno dei quali, secondo l'indice Bloomberg Billionaire, sono valutate al $ 520 milione, non aderire al panico generale: “Siamo qui per un lungo periodo – per un decennio o più. Ricordiamo che il costo bitcoin $ 8. Così, per quanto ne sappiamo, È tutto in ordine. ”

Per quanto riguarda la recente decisione di Facebook, il consulente di cripto-start-up, il fondatore del gruppo di consulenza sul blocco-tema Ethmint Kyle Forki, ha parlato positivamente. Secondo lui, affari legali non soffrirà da Facebook innovazioni, da “la maggior parte dei fondi raccolti durante l'ICO sono attratti attraverso partnership.”

Molti partecipanti del Yahoo Finance cripta-vertice hanno riportato anche sul supporto dei regolamenti. CEO GDAX Adam Bianca ha detto che gli scambi Coinbase e GDAX “regolamentazione di benvenuto” e rendersi conto che essi “avere un effetto positivo sul sistema finanziario”.

CEO Ripple Brad Garlinghouse ha osservato che la sua azienda è stata a lungo favorevole alla regolamentazione ed è necessaria perché “la rivoluzione non è in corso di fuori del sistema – sta accadendo all'interno”.


Autore: Sara Bauer


 

Related posts:

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *